Uova Ovito

Archive for the ‘Legislazione’ Category

L’uovo sano, nutriente, conveniente. Ma soprattutto sicuro

Alla coque o al tegamino, a frittata o a soufflè, l’uovo è un alimento sano e nutriente, ideale per grandi e bambini fin dall’età dello svezzamento.
Base della cultura gastronomica di tutti i paesi del mondo, consumato da milioni di persone ogni giorno, è un concentrato di salute perché è ricco di proteine nobili, sali minerali, vitamine a b e e, ed è povero di grassi “cattivi”.
Dal 1° gennaio 2004 l’uovo riporta un codice direttamente sul proprio guscio.
Una vera e propria carta di identità che tutela il consumatore raccontando tutte le tappe della sua vita.
Il codice è assegnato dalle stesse autorità sanitarie locali ed indica che l’allevamento è sottoposto al loro controllo.

Ad integrazione di quanto già scritto sui codici delle uova inoltre riporto anche questi dettagli circa le informazioni che devono essere riportate sulla confezione delle uova

La tracciabilità e il codice delle uova

Tracciabilità è la parola chiave per capire le novità sulle uova introdotte con il Regolamento ce 2295 del 2003. Ed è espressa mediante un codice alfa numerico.
Il codice stampigliato sul guscio consente di seguire il percorso delle uova Ovito dall’allevamento fino al confezionamento e di individuare:

  • il sistema di allevamento
  • la nazione di provenienza dell’uovo
  • la provincia e il comune dell’allevamento dove è stato deposto l’uovo
  • l’allevamento da cui proviene

Per legge, naturalmente, i consumatori continueranno a trovare le informazioni che devono apparire obbligatoriamente sulla confezione quali:

  • la data di consumo preferibile
  • la categoria di qualità e di peso
  • il numero di uova confezionate
  • il nome, la ragione sociale e il marchio commerciale della azienda
  • il numero di autorizzazione del centro d’imballaggio
  • le modalità di conservazione
  • il sistema di allevamento

Le aziende, inoltre, possono inserire sulle confezioni anche informazioni facoltative: dalla data di deposizione a quella di imballaggio, dall’alimentazione delle galline alle ricette.

fonte pianetauovo.it

Uova Ovito un codice in più per la sicurezza

Tutte le uova, che siano Ovito o meno, vendute all’interno della CEE devono aver stampigliato sul guscio un codice alfanumerico che ne permetta di identificare le caratteristiche della filiera di produzione.

Le Uova Ovito come tutte quelle distribuite sul territorio nazionale riportano il codice delle uova marchiato sul guscio; tali codici nel dettaglio sono così composti:

la prima cifra da sinistra del codice indica la tipologia di allevamento ed indica rispettivamente:

0 – uova provenienti da agricoltura biologica: l’allevamento della gallina prevede che a ciascun animale siano riservati un minimo di 10 mq di terreno all’aperto, con vegetazione ed ovviamente l’alimentazione della gallina è fatta con mangimi biologici

1 – uova da allevamento all’aperto: ogni gallina ha a disposizione un minimo di 2,5 mq di terreno all’aperto con vegetazione in ambiente controllato per ragioni sanitarie. Le uova vengono deposte direttamente in terra o nei nidi.

Diversi studi sono concordi nell’affermare come le uova deposte da galline libere di muoversi all’aperto, quindi marchiate con 0 e 1, abbiano un maggiore apporto di acido folico e di vitamina b2.

2 – uova da allevamento a terra: su terreno ricoperto di paglia o sabbia vengono ospitate fino a 7 galline per metro quadrato. Gli animali sono però liberi di muoversi in tutta l’area protetta e depositano le uova in terra o nei nidi.

3 – uova da allevamento in gabbie: fino a 25 galline per metro quadro; gli animali depositano le uova direttamente in apparecchiature per la raccolta.

Questo dovrebbe già essere sufficiente per comprendere le varianti di prezzo fra le diverse uova esposte nei supermercati e hard discount.

Le due lettere che seguono indicano la nazione di provenienza attraverso il codice dello stato, ad esempio it è il codice che indica l’Italia.

Le tre cifre a seguire rappresentano il codice Istat del comune dove l’uovo è stato raccolto e dove ovviamente ha sede l’allevamento. (Codici Istat Comuni Italiani ad esempio 032 Terni 039 Perugia )

Seguono nel codice due lettere che indicano la provincia dell’allevamento e tre cifre che identificano in modo univoco l’allevamento di provenienza in cui la gallina ha deposto l’uovo.

Uova Ovito aggiunge a questi dati la firma, la data in cui l’uovo è stato deposto e un codice che permette di risalire al gruppo di galline ovaiole che ha deposto quel particolare uovo.